Esami per la caduta dei capelli. Rimedi e test contro la perdita

Per rendersi conto della reale situazione e per sapere se la caduta dei capelli è in corso, è necessario sottoporsi a dei test specifici.

Il più diffuso e accreditato è il test tricogramma che non è altro che una osservazione microscopica di capelli prelevati in diverse aree del cuoio capelluto.

E’ chiaro che è un test molto più accurato di quei test che si possono ottenere gratis, in ambulatori più che altro commerciali volti alla vendita di prodotti più o meno buoni. Il test, deve essere fatto quando non viene effettuato lo shampoo da almeno 3 giorni, per non alterare in alcun modo i risultati.

Ancora più accurata ma molto più complessa e l’alternativa rappresentata dal fototricogramma. Si esegue fotografando le parti della cute in cui sarà stato reciso il cepello a ciocche ad una lunghezza di 2mm. Le foto vanno ripetute a distanza di alcuni giorni negli stessi punti, per monitorare la crescita del capello.

Un altro esame molto buono è il pull-test, che consiste letteralmente nella conta dei capelli che cadono in un determinato periodo in modo da conoscere l’esatto ammontare dei capelli caduti in un lasso di tempo. Se si incrociano tutti i test tra loro, si ottiene una rappresentazione completa del problema.

Capello microscopioTest ematologici e dosaggi ormonali sarebbe opportuno farli, durante i test ai capelli in modo da associare anche eventuali patologie che possono causare la perdita di capelli.

Il mineralogramma infine, permette di conoscere quanti minerali sono presenti nel nostro corpo e permette di sapere esattamente i minerali presenti al momento del prelievo.

Alcuni test di contorno, sono della secrezione sebacea di idratazione cutanea che completano le informazioni per poter esaminare la situazione.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *