Vacanze in Sardegna: le cose da non perdere sull’isola

Ci sono luoghi della Sardegna che vale la pena visitare almeno una volta nella vita. Questa regione può regalare emozioni che porterete nel vostro cuore per sempre. È stato fatto un sondaggio tra la popolazione sarda per chiedere quali fossero, secondo la loro opinione, i posti più belli ed emozionanti dell’isola. L’isola viene scelta ogni anno dai tanti turisti italiani ed internazionali che decidono di acquistare uno dei tanti biglietti dei traghetti per la Sardegna disponibili dalle principali compagnie di navigazione come Moby, Grimaldi, Tirrenia e tante altre.

Da questa ricerca sono emersi oltre 50 luoghi che meritano assolutamente di essere visti. Abbiamo selezionato i più caratteristici affinché possiate avere una scelta diversa ma al contempo contenuta.

Cala Mariolu

Ci troviamo nel golfo di Orosei e questa spiaggia è una delle più incantevoli di tutta la Sardegna. Per raggiungerla è consigliabile noleggiare una piccola imbarcazione in quanto il sentiero per arrivare via terra è alquanto tortuoso e poco consigliato. Appena raggiungerete questo gioiello, rimarrete accecati dalla sua spiaggia. Formata da sassolini molto bianchi, sembrano splendere di luce propria. Un vero incanto.

Villaggio di Tiscali

In questa località della provincia di Nuoro è presente un sito archeologico risalente al periodo delle antiche civiltà nuragiche. Il villaggio prende il nome dall’omonimo monte sulle cui pendici è stato costruito. Quasi nascosto all’interno di una cavità, vi si accede mediante un’apertura sulla roccia da cui si può ammirare l’emozionante spettacolo della valle di Lanaittufoto.

Arcipelago di La Maddalena

Questo rinomato gruppo di isole (Santo Stefano, Caprera, Budelli, Santa Maria, Razzoli e Spargi) situato nella provincia di Olbia è una tappa fondamentale per tutti i turisti che visitano la Sardegna. Meravigliose sono le sue spiagge accarezzate costantemente dal mare color smeraldo, che da il nome alla proprio alla famosa costa, meta ambita di personaggi famosi e ricchi uomini d’affari. Sulla sua isola più famosa, Caprera, ha concluso la sua gloriosa vita Garibaldi, l’eroe dei Due Mondi. Qui si può visitare la sua casa-museo che ospita il luogo di sepoltura di questo personaggio che ha fatto la storia dell’Italia.

Su Gorropu

Il suo nome non è quasi mai citato nelle guide turistiche della Sardegna. Ma la sua bellezza è davvero straordinaria. Ed è forse per questo che i sardi non lo pubblicizzano, tenendolo segreto come fosse una pietra preziosa da custodire. È una gola chiamata anche canyon del Supramonte raggiungibile con una camminata di tre ore attraverso un sentiero che culmina in questa gola che vi lascerà stupiti dalle sue altissime pareti verticali che raggiungono i 500 metri. Posto geograficamente tra l’Ogliastra e la Barbagia è un capolavoro naturale della Sardegna orientale.

Stintino

Un simbolo di questa isola, è anche una delle località più famose tra i turisti. Siamo nella provincia di Sassari e le lunghissime spiagge contornate da un mare dai colori caraibici, crea un paesaggio invidiato da tutto il mondo. Da qui si può ammirare l’Asinara, l’isola che ha ospitato il famoso penitenziario e che oggi è un parco naturale di importanza nazionale che prende il suo nome.
Sulla spiaggia più famosa di Stintino, la Pelosa, ci si può rilassare sulla battigia di finissima sabbia bianca ammirando il mare e la torre Aragonese costruita su un isolotto antistante la costa.

Grotte di Nettuno

Queste spettacolari grotte si trovano vicino Alghero, nel nord est della Sardegna. Da quando è stata scoperta intorno al XVIII secolo da alcuni pescatori, è diventata una meta turistica molto gettonata. Si può raggiungere via terra e via mare, ma quest’ultima opzione è la più consigliata in quanto più facile e spettacolare. Durante il periodo estivo esiste una limitazione sul numero degli ingressi, in quanto si andrebbe a destabilizzare il sottile equilibrio biotermico che ha dato vita a questa imponente e meravigliosa cavità. Per raggiungerla via terra dovrete essere pronti fisicamente alla scalinata di oltre 600 gradini. Lo spettacolo che ammirerete delle stalattiti e delle stalagmiti presenti all’interno della grotta sarà una giusta ricompensa alla fatica affrontata.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *